Skip to main content
LA STAGIONE DEI FIORI

/ Stagione 2019-2020

21 novembre / Ore: 09 : 30

Spettacolo musicale per la scuola primaria e secondaria di primo grado del Comune di Empoli a cura del Maggio Musicale Fiorentino

LA STAGIONE DEI FIORI

Una piccola Bohème per grandi sognatori
Dalla Boheme di  Puccini
MAGGIO MUSICALE FIORENTINO- VENTI LUCENTI 

 La bohème, il racconto di un amore. Un amore di ragazzi, non quello incorniciato dall’oro e dalle luci di un palazzo principesco, quanto quello semplice e comune di due giovani che durante una notte illuminata da una luna enorme, che esiste solo nelle favole o negli spariti musicali, si innamorano l’uno dell’altra, ma forse si innamorano dell’amore. Una chiave, una porta, una candela, piccole cose per un amore immenso fragile come le rose di Mimi e gelido come l’inverno di una Parigi disegnata da un pittore. Debussy amava dire che nessuno aveva saputo ritrarre così bene Parigi come Puccini, che pure non c’era mai stato. E Puccini era così: passione e sentimento erano la sua ispirazione, la sua dannazione, la sua musica. Un’opera malinconica e preziosa, ma anche ironica e piena di verve con un Puccini che forse è Rodolfo ma che è anche Marcello, Colline e Shaunard, suoi compagni di una bohème fanfarona e insolente, vissuta davvero dal giovane Giacomo quando, poco più che ragazzo, comincia a muovere i primi passi nel grande mondo dell’opera. E intorno a tutto c’è l’amore: in ogni spiraglio di quest’opera c’è l’amore. Un amore di ragazzi, appassionati ma smarriti, soli e pieni di sogni, ingenui e alle volte incapaci di capire la realtà. La bohème è l’opera della gioventù, l’opera della “bella età d’inganni e d’utopie”, nella quale “si crede, si spera e tutto bello appare”; forse il suo fascino immortale, il suo significato più profondo, è tutto in questo verso che dà voce alla perdita dell’ingenuità della gioventù, alla consapevolezza del passare del tempo che porta con sé inevitabilmente affanni e dolori. Ed è questo forse l’intento profondo dello spettacolo che si propone: portare in scena un’opera sulla gioventù, proponendola proprio ai più giovani, ai quali vorremmo affidare il compito di rinverdire le speranze e di raccontarci ancora quanto sia bello e giusto inseguire i propri sogni e tentare per quanto è possibile di farli divenire realtà.

Un frammento di vita di uno dei più grandi compositori della storia raccontata attraverso una delle sue opere più popolari: La bohème. La sua straordinaria musica, gli avvenimenti più significativi della sua vita di quel periodo, i personaggi che amarono e venerarono il grande musicista, oppure lo detestarono. E la sua donna ideale, la sua musa, il suo amore. Attori, cantanti, musica dal vivo, storie di vita e storie di opera.  Un intreccio nel quale il pubblico grande e piccolo viene coinvolto “dal vivo” come se Puccini fosse ancora fra noi a dilettarci con la sua enorme personalità, la sua frenetica mente musicale e la sua intensa passione. Il ritratto originale e appassionato, ma anche sofferto, di un musicista che ci ha lasciato alcune delle più belle opere di tutti i tempi.

 CARATTERISTICHE E MODALITÀ Questo viaggio nel mondo pucciniano è condotto da due attori e due cantanti (un soprano e un tenore), che interpretano decine di personaggi e che cambiano continuamente costume, ruolo, stato.
Il pubblico verrà coinvolto dalla platea nelle accelerazioni narrative del testo e della musica, diventando di volta in volta spettatore o interprete dei sentimenti più legati al soggetto: innamorati, delusi, appassionati, ritrosi, vigliacchi, furenti, ironici.
The Bohème Game è un condensato dell’opera La bohème ma anche un momento di riflessione sulla storia umana del geniale Giacomo, arrogante, malinconico, collerico e visionario, si vedrà La bohème e se ne ascolteranno brani, ma anche, ci auguriamo, sarò un momento di “didattica” dello spettatore.
Poiché anche essere “spettatore attivo” richiede competenze complesse: il silenzio, l’attenzione, l’ascolto, l’immediata reazione agli stimoli, ma anche, ed è la cosa forse più importante, l’acquisizione della capacità critica necessaria a districarsi nella miriade di stimoli della realtà presente. La grande musica, ed è scontato dire che quella di Puccini lo è senz’altro, ci investe con la sua potenza trasformatrice. Può, se siamo disposti all’ascolto, spalancare le porte della nostra immaginazione ed insegnarci molte cose nuove. Lo spettacolo è rivolto ad un pubblico di adulti e bambini. L’età minima consigliata è di 8 anni.


WHAT'S
NEXT

i prossimi eventi in programma


ACQUISTA ONLINE
ABBONAMENTI

Acquista direttamente online l'abbonamento per tutta la stagione concertistica oppure i mini abbonamenti da 5 o da 3 serate.
Dopo averli acquistati, verrai contattato/a dal Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni che ti guideranno alla scelta del posto perfetto!


Gli abbonamenti possono essere acquistati online su questo sito, oppure recandosi direttamente al:
Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni in Piazza della Vittoria,16 - Empoli (Fi)

I biglietti singoli possono essere inoltre acquistati presso:
- Libreria Rinascita, Via Ridolfi 53 - Empoli
- Bonistalli Musica, Via F.lli Rosselli 19 – Empoli
- Online su Eventbrite